Panoramica del Progetto della Piattaforma Ergo

Aggiornato il 8 Giugno 2022

Tempo di lettura stimato: 10 minuti

Sviluppatori Ergo

20 Marzo 2019 V1.1

Astratto #

Questo documento contiene l’idea generale della piattaforma Ergo e una
panoramica di alto livello delle sue principali caratteristiche. Maggiori dettagli sulla
piattaforma possono essere trovati nel white paper, nonché in documenti separati
altamente specializzati che coprono i componenti chiave della piattaforma.

Visione #

Lo sviluppo della piattaforma Ergo è iniziato nel 2017 dopo diversi anni di ricerca e
implementazioni di prototipi. Nonostante l’enorme clamore sulle criptovalute, la tecnologia
stessa è rimasta bloccata vicino alla sua fase iniziale. Alla ricerca di alti profitti e popolarità,
gli sviluppatori hanno rivendicato l’implementazione di blockchain 2.0, 3.0 e così via, per
lo più in opposizione al principale vantaggio delle criptovalute – il decentramento – e i team
hanno semplicemente promesso che il decentramento sarà raggiunto ad un certo punto in
futuro.

Al contrario, l’idea della piattaforma Ergo è quella di implementare idee pronte per
l’uso mantenendo la rete veramente decentralizzata. Potrebbe essere definita
un’implementazione “blockchain 1.1”, un importante aggiornamento alla tecnologia
blockchain invece di rivoluzionari cambiamenti di rottura. L’obiettivo di Ergo è quello di
essere la piattaforma veramente utile per le applicazioni decentralizzate che richiedono
blockchain e di sopravvivere a lungo termine, consentendole così di essere una potente
riserva di valore. Le soluzioni tecniche ed economiche che le consentiranno di raggiungere
questo obiettivo sono riassunte nelle sezioni seguenti.

Consenso #

Il protocollo di consenso di Ergo – Autolykos – si basa sul noto algoritmo di consenso
Proof of-Work (“PoW”). PoW è stato scelto per diversi motivi, tra cui il fatto che i protocolli
PoW sono ampiamente studiati, hanno elevate garanzie di sicurezza e sono amichevoli
per i client leggeri.

Tuttavia, i protocolli PoW esistenti presentano degli svantaggi noti: i minatori dotati di
ASIC producono blocchi di ordini di grandezza più velocemente dei minatori dotati di CPU
o GPU, inoltre, si uniscono in pool di mining e solo pochi operatori di pool controllare la rete di conseguenza, a volte in modo non trasparente. Questo rappresenta
potenzialmente un singolo punto di errore per una rete e rappresenta una grave minaccia per la
sopravvivenza a lungo termine.

Il metodo generale per ridurre il vantaggio degli ASIC consiste nell’utilizzare calcoli con
memoria rigida. Autolykos si basa sul problema k-sum, che è simile a un noto Equihash PoW con
memoria rigida [1]. Inoltre, Autolykos è una variante di una firma Schnorr e quindi il mining non è
possibile senza l’accesso alla chiave privata che rende il puzzle sottostante non esternalizzabile.

Queste due proprietà della piattaforma Ergo impediscono la centralizzazione della rete
intorno agli operatori di pool e ai produttori di ASIC e riportano Ergo all’idea originale di una CPU
e un voto dal white paper di Bitcoin [10].

Client #

È quasi impossibile utilizzare le criptovalute esistenti senza l’aiuto di terze parti fidate. Per ricevere
anche una piccola quantità di monete in modo affidabile, un client deve scaricare ed elaborare
gigabyte di dati per sincronizzarsi con la rete, operazione che potrebbe richiedere diverse settimane
anche su hardware di fascia alta, per non parlare dei dispositivi mobili. Non sorprende quindi che
la maggior parte degli utenti preferisca utilizzare soluzioni affidabili per portafogli, scambi, block
explorer e così via.

Ergo è stato progettato per essere il più facile da usare nel senso di decentralizzazione. Una
delle proprietà importanti di PoW è che consente la verifica del lavoro svolto senza scaricare
l’intera catena. I blocchi Ergo supportano le prove NiPoPoW [7], consentendo ai client leggeri di
sincronizzarsi con la rete scaricando meno di un megabyte di dati. Inoltre, Ergo utilizza lo stato
autenticato [11] e per qualsiasi transazione inclusa, un cliente può scaricare una prova della sua
correttezza. Pertanto, indipendentemente dalle dimensioni della blockchain, un utente normale
con uno smartphone può entrare in rete e iniziare a utilizzare Ergo con le stesse garanzie di
sicurezza di un nodo completo.

Sopravvivenza #

Se Ergo o qualsiasi altra criptovaluta deve essere una riserva di valore, la capacità di
sopravvivenza a lungo termine e la fiducia degli utenti nelle piattaforme, la sopravvivenza a lungo
termine è essenziale.

Per sopravvivere a lungo termine, Ergo preferisce soluzioni ben collaudate. Se non esiste già
una soluzione ben testata per qualche problema, eseguiamo la nostra ricerca e il numero di articoli
sottoposti a revisione paritaria dal team di sviluppo di Ergo è già ampio: [11, 9, 4, 3, 5, 6]

Per sopravvivere, la rete dovrebbe adattarsi all’ambiente mutevole senza l’intervento di parti
fidate (come un team di “sviluppatori principali”). Il protocollo di voto dei minatori on-chain di Ergo
consente modifiche graduali di un gran numero di parametri, tra cui:
È quasi impossibile utilizzare le criptovalute esistenti senza l’aiuto di terze parti fidate. Per ricevere
anche una piccola quantità di monete in modo affidabile, un client deve scaricare ed elaborare
gigabyte di dati per sincronizzarsi con la rete, operazione che potrebbe richiedere diverse settimane
anche su hardware di fascia alta, per non parlare dei dispositivi mobili. Non sorprende quindi che
la maggior parte degli utenti preferisca utilizzare soluzioni affidabili per portafogli, scambi, block
explorer e così via.
Il metodo generale per ridurre il vantaggio degli ASIC consiste nell’utilizzare calcoli con
memoria rigida. Autolykos si basa sul problema k-sum, che è simile a un noto Equihash PoW con
memoria rigida [1]. Inoltre, Autolykos è una variante di una firma Schnorr e quindi il mining non è
possibile senza l’accesso alla chiave privata che rende il puzzle sottostante non esternalizzabile.

  • Dimensione massima del blocco
  • Costo computazionale massimo cumulativo di un blocco
  • Costo computazionale dei contratti
  • Fattore tariffa di stoccaggio (per i dettagli, vedere la Sezione 5)

Per modifiche più fondamentali, Ergo seguirà un approccio di soft fork: se la stragrande maggioranza
della rete accetta una nuova funzionalità, questa viene attivata, tuttavia, i vecchi nodi che non vengono
aggiornati continuano a funzionare normalmente e saltano semplicemente questa funzione convalida.

Economia #

Per raggiungere la sopravvivenza, Ergo fornisce miglioramenti economici oltre a quelli tecnici, il più centrale dei quali è una componente della tariffa di stoccaggio che gioca un ruolo importante per la stabilità di Ergo: se una produzione rimane nello stato per 4 anni senza essere spostata, un minatore può addebitare piccola commissione per ogni byte mantenuto nello stato. Se il valore dell’output è inferiore a una tariffa richiesta da pagare, l’output verrà rimosso dallo stato.

Pertanto, la componente della tariffa di archiviazione è simile ai normali servizi di archiviazione cloud,
tuttavia è nuova per le criptovalute e ha diverse importanti conseguenze.
In secondo luogo, la crescita delle dimensioni dello stato diventa controllabile e prevedibile, riducendo i
requisiti hardware per i minatori Ergo. In terzo luogo, riscuotendo una tassa di stoccaggio da scatole obsolete, i minatori rimetteranno in circolazione le monete, impedendo una costante diminuzione dell’offerta in circolazione a causa della perdita delle chiavi [8].
In primo luogo, l’Ergo mining sarà sempre stabile, a differenza di Bitcoin e di altre valute PoW, in cui il mining potrebbe diventare instabile dopo l’emissione iniziale [2].

Infine, consente di interrompere l’emissione abbastanza presto. L’emissione di Ergo durerà 8 anni — per i
primi 2 anni verranno emessi 75 Erg (Erg è la moneta nativa della piattaforma) per blocco con un intervallo di blocco di 2 minuti e successivamente la ricompensa del blocco sarà ridotta di 3 monete ogni 3 mesi (vedi Fig.1). Per finanziare lo sviluppo dell’Ergo, durante i primi 2,5 anni, la parte della ricompensa del blocco che supera 67,5 andrà a una tesoreria anziché a un minatore. L’emissione di Ergo partirà da zero senza pre-mine. Come prova di non pre-mina useremo i titoli delle notizie, come Satoshi, così come gli ultimi block id di Bitcoin ed Ethereum.

Figura 1: curva di emissione Ergo

Applicabilità #

Per sopravvivere, una blockchain deve avere una base di utenti. Le DApp e i
protocolli offchain possono essere implementati in modo veramente
decentralizzato grazie ai client light, tuttavia richiedono anche un linguaggio
smart contract utile e sicuro.

I contratti intelligenti Ergo si basano su un modello
UTXO simile a Bitcoin, in cui ogni output è protetto da uno script. Se il linguaggio
di scripting è sufficientemente ricco, consente la scrittura di contratti completi di
Turing [3] evitando soluzioni ad hoc per l’arresto del programma come il gas in
Ethereum.

Pur avendo una versatilità significativamente maggiore rispetto allo
script Bitcoin, lo script Ergo contiene solo operazioni che consentono di stimare la
complessità dello script prima dell’esecuzione, il che previene vari attacchi DoS.
Tuttavia, questo set di istruzioni è sufficiente per scrivere facilmente qualsiasi
programma possibile: è stato dimostrato che ErgoScript è completo di Turing [3].

Conclusioni #

In questo breve riassunto di alto livello di Ergo Platform, ci auguriamo di aver messo
in evidenza le caratteristiche più distintive di questa nuova piattaforma nonché a filosofia del team di sviluppo della piattaforma Ergo e il motivo per cui questa piattaforma
potrebbe essere di grande interesse per una base diversificata di utenti, minatori, trader e
investitori a lungo termine in criptovaluta.

Riferimenti #

[1] A. Biryukov e D. Khovratovich. Equihash: proof-of-work asimmetrico basato sul
problema del compleanno generalizzato.Libro mastro, 2:1–30, 2017.
[2] M. Carlsten, H. Kalodner, SM Weinberg e A. Narayanan. instabilità del
bitcoin senza la ricompensa del blocco. InAtti della Conferenza ACM
SIGSAC 2016 sulla sicurezza informatica e delle comunicazioni, pagine
154–167. ACM, 2016.
Sul
[3] A. Chepurnoy, V. Kharin e D. Meshkov. Monete auto-riproducenti come macchina
di turatura universale. InGestione della privacy dei dati, criptovalute e tecnologia
Blockchain, pagine 57–64. Primavera, 2018.
[4] A. Chepurnoy, V. Kharin e D. Meshkov. Un approccio sistematico alle commissioni
sulle criptovalute.Archivio ePrint di crittografia IACR, 2018:78, 2018.
[5] A. Chepurnoy e M. Rathee. Verifica delle leggi della blockchain con test basati
sulle proprietà. InBlockchain Oriented Software Engineering (IW-BOSE),
Workshop internazionale 2018 su, pagine 40–47. IEEE, 2018.
[6] T. Duong, A. Chepurnoy e H.-S. Zhou. Sistemi di criptovaluta multimodali.
InAtti del 2° Workshop ACM su Blockchain, Criptovalute e Contratti,
pagine 35–46. ACM, 2018.
[7] A. Kiayias, A. Miller e D. Zindros. Prove non interattive di proof-ofwork.
Rapporto tecnico, Archivio ePrint di crittografia, Rapporto 2017/963, 2017.
Consultato: 03-10-2017, 2017.
[8] E. Krause. Manca un quinto di tutti i bitcoin. questi cacciatori di criptovalute possono aiutare. 2018.
[9] D. Meshkov, A. Chepurnoy e M. Jansen. Breve paper: Rivisitazione del
controllo della difficoltà per i sistemi blockchain. InGestione della privacy dei
dati, criptovalute e tecnologia Blockchain, pagine 429–436. Springer, 2017.
[10] S. Nakamoto. Bitcoin: un sistema di cassa elettronico peer-to-peer. 2008.
[11] L. Reyzin, D. Meshkov, A. Chepurnoy e S. Ivanov. Miglioramento dei dizionari
dinamici autenticati, con applicazioni alle criptovalute. InConferenza
internazionale sulla crittografia finanziaria e la sicurezza dei dati, pagine
376–392. Springer, 2017.

Cosa nè pensi?