NIPoPoWs su Ergo – Innovazioni nella Blockchain

Tempo di lettura stimato: 6 minuti

La blockchain di Ergo sta rapidamente diventando nota all’interno dello spazio crittografico come leader nello sviluppo e nell’innovazione blockchain. Mentre questa reputazione è ben meritata e qualcosa di cui il team di sviluppo è orgoglioso, le ragioni di questo elogio sono spesso perse dall’appassionato medio di criptovalute. Perché Charles Hoskinson avrebbe definito Ergo una “meraviglia tecnica”? La verità è che ci sono molte ragioni per lodare Ergo; la blockchain è stata costruita da zero. Migliora molti aspetti delle innovazioni di maggior successo delle criptovalute e implementa diversi nuovi strumenti crittografici che non sono mai stati visti prima nello spazio.

Per apprezzare veramente ciò che rende Ergo meraviglioso, richiede una profonda comprensione della tecnologia blockchain e la pazienza di camminare attraverso il complesso, ma elegante, design del protocollo di Ergo un pezzo alla volta. Sigma Protocols, ErgoScript, Autolykos, eUTxO e The Manifesto stesso meritano l’attenzione di sviluppatori, investitori e utenti. Questo articolo ha lo scopo di descrivere e semplificare una particolare innovazione sulla blockchain di Ergo: NIPoPoWs.

Cosa sono le NIPoPoW?

NiPoPoW è l’acronimo di Non-Interactive Proof of Proof of Work. Analizziamo questo un pezzo alla volta. Il PoW che si trova alla fine di NIPoPoW significa che questo concetto è fondato su un meccanismo di consenso di prova del lavoro. Come tutte le altre catene PoW, Ergo si affida ai minatori per risolvere enigmi crittografici che danno loro il diritto di verificare le transazioni e aggiungere blocchi alla blockchain. La somma di questi blocchi archivia l’intera cronologia delle transazioni completate su Ergo. Successivamente, il Po al centro di NIPoPoW sta per Proof of. Avere la prova della prova del lavoro significa usare la crittografia per astrarre dalla blockchain in modo matematicamente verificabile. In altre parole, PoPoW è una rappresentazione leggera, ma dimostrabilmente accurata, della blockchain. Infine, NI è l’acronimo di non-interactive. Non interattivo significa che le applicazioni operano sul back-end di un programma senza la partecipazione o l’autorizzazione di un altro utente. Questo tipo di sistema è autonomo, coerente e completo. Le applicazioni non interattive sono come distributori automatici, pronti per essere utilizzati da chiunque.

Perché abbiamo bisogno di NIPoPoW?

Ora che sai cosa sono, potresti chiederti, perché abbiamo bisogno di NIPoPoW? I NIPoPoW risolvono diversi problemi, offrendo opportunità per aumentare l’adozione e l’accessibilità della tecnologia blockchain. L’applicazione più ovvia per NIPoPoWs è ridurre le dimensioni di una blockchain. La blockchain di Bitcoin è di oltre 300 GB. Grazie ai suoi contratti intelligenti, la blockchain di Ethereum è quasi un terabyte! Chiunque desideri eseguire un nodo dovrà possedere un disco rigido considerevole e attendere tra 1 e 5 giorni per la sincronizzazione del nodo. NIPoPoWs consentirà ai client super leggeri di sincronizzarsi con la blockchain con meno di 1 MB di dati. Questa drastica riduzione dei dati implica anche un ridotto fabbisogno tecnologico. NIPoPoW consentirà a tecnologie limitate, come i telefoni flip, di operare con un servizio dati limitato e di raggiungere lo stesso livello di sicurezza dell’esecuzione di un nodo completo. Questo ha il potenziale per rivoluzionare completamente il settore.

Questo approccio leggero ha anche altri vantaggi. Il primo è noto come log space mining, il che significa che ogni blocco aggiunto alla blockchain aumenta solo logaritmicamente le dimensioni della blockchain. Ricorda, i logaritmi sono l’inverso degli esponenti; ogni blocco occupa solo una piccola, minuscola quantità di dati. Questo è fondamentale per aumentare il numero di minatori che partecipano per proteggere la rete. In secondo luogo, NIPoPoW consentirà un funzionamento super efficiente delle catene laterali. Questi consentiranno di costruire nuovi protocolli sulla blockchain di Ergo, che può essere verificata dai minatori senza causare congestione. Questa tecnologia sarà alla base dell’approccio di ridimensionamento Layer 2 di Ergo. In terzo luogo, e forse il più tecnologicamente spettacolare, sono le velvet forks. Questo sviluppo consente di aggiornare la blockchain senza le conseguenze dei tradizionali hard or soft fork; le velvet forks consentono agli aggiornamenti di essere retrocompatibili. Anche se solo una parte dei minatori implementa l’ultimo aggiornamento, l’astrazione di NIPoPoW lontano dalla blockchain consente loro di sostituire le istanze più vecchie del protocollo senza rimuovere completamente la capacità dei minatori non aggiornati di proteggere la rete. Le velvet forks sono difficili da capire, ma si spera che questa semplificazione sia sufficiente per la maggior parte dei lettori.

Come funzionano le NIPoPoW?

Un NIPoPoW è essenzialmente una tecnica di compressione dei dati, ed è tutta una questione di super blocchi. Di solito, le blockchain Proof of Work raggiungono il consenso consentendo ai minatori di competere per il diritto di coniare nuovi blocchi di dati sulla blockchain. La gara è quella di risolvere un puzzle crittografico; i minatori usano le schede grafiche per produrre soluzioni casuali e controllarle rispetto al puzzle per vedere se sono corrette. La bellezza della crittografia è che i puzzle crittografici sono difficili da risolvere, ma facili da verificare. Ciò significa che se i numeri casuali generati da un minatore riescono a risolvere il puzzle, possono verificare la loro soluzione e richiedere la ricompensa del blocco.

In un evento raro e casuale, alcuni blocchi sono molto più difficili da risolvere di altri. Questi blocchi, noti come super blocchi, hanno più zeri nella loro soluzione rispetto ai blocchi medi. Questo li rende facilmente identificabili e disponibili per altri usi. In un NIPoPoW, i super blocchi vengono utilizzati per ospitare bit di dati da ogni blocco tra esso e l’ultimo super blocco. Questi dati vengono memorizzati nell’intestazione del blocco e quindi utilizzati come chiave in grado di accedere e confermare qualsiasi informazione detenuta da uno qualsiasi dei blocchi che hanno contribuito con i dati al super blocco. Ogni volta che viene coniato un super blocco, i dati dei blocchi regolari diventano inutili. I superblocchi esistono quindi come una catena leggera a sé stante. Portafogli, dApp e utenti possono fare affidamento esclusivamente su super blocchi per interagire in modo sicuro e affidabile con la blockchain. Dal momento che devono solo sincronizzarsi con i super blocchi, possono evitare di scaricare l’intera blockchain e migliorare l’efficienza dell’80%.

Per aiutare i lettori a capire, guarda il grafico qui sotto!

Ti interessa scavare più a fondo?

Se sei interessato a saperne di più sulla tecnologia NiPoPoW o su come viene integrata nella blockchain di Ergo, esplora i link seguenti:

Se preferisci leggere articoli accademici su questo argomento, trovali di seguito:

Fonte:

NIPoPoWs su Ergo: innovazioni nella blockchain | Ergo (ergoplatform.org)

Articoli Correlati

Risposte